KHEER, RICETTA AYURVEDICA CHE INCREMENTA L’ENERGIA

Il kheer è tra le ricette ayurvediche più semplici e benefiche da preparare. Si tratta di un dolce molto popolare in varie zone dell’Asia: dall’India al Pakistan passando per il Bangladesh.

Viene  menzionato nei testi di medicina ayurvedica. Il suo nome deriverebbero dalla parola sanscrita “ksheer” che significa “latte”, o da “kshirika”, ovvero “piatto a base di latte”.

Ed è proprio il latte uno degli ingredienti basilari del kheer. Gli altri sono: cereali (in genere il riso), ghee e mandorle. Amalgamati insieme secondo la ricetta indiana, questi alimenti danno vita a un appetitoso budino, indicato sia come dessert, sia come tra i cibi della prima colazione.

Secondo la tradizione ayurvedica, gli ingredienti del kheer sono indicati per incrementare ojas, che nutre e sostiene tutti i Dhatu, ovvero quei tessuti che danno forma agli organi.

Inoltre, è una ricetta adatta a tutti e tre i dosha: Vata, Pitta, Kapha.

Occorre però considerare alcune importanti differenze:

  • chi tende ad avere il dosha Vata predominante dovrebbe gustare il kheer caldo, in questo modo è assicurato un buon apporto di energia;
  • per chi invece ha una predominanza di Pitta, è consigliabile mangiare il budino a temperatura ambiente;
  • nel caso di Kapha, la porzione non dovrebbe essere abbondante, ma piuttosto misurata.

Il kheer è una ricetta salutare e nutriente. Secondo la medicina ayurvedica non solo infonde forza ed energia, ma è altresì benefico per il sistema immunitario. Inoltre, infonde calma e dona tranquillità. È poi un cibo ritenuto di buon auspicio. Viene infatti preparato usando latte vaccino e, in India, le mucche sono considerate animali sacri.

Per i vegani si può sostituire il latte vaccino con una bevanda vegetale (a base di soia, o di avena, o di riso, o di mandorle). La ricetta tradizionale, nel tempo, in alcune zone è stata leggermente modificata: per esempio, in certe aree dell’India del sud si utilizza il latte di cocco.

Preparazione:

Ingredienti (le dosi sono indicative per 4 persone):

  • 1 litro di latte intero o scremato (indicato per Kapha) a seconda del dosha prevalente (o bevanda vegetale)
  • 4-5 cucchiai di riso basmati
  • 1 cucchiaino cardamomo in polvere o macinato sul momento
  • 2-3 cucchiai di zucchero di canna o 3-4 cucchiai di sciroppo di agave
  • Una manciata di mandorle (in alternativa vanno bene anche anacardi o uvetta o datteri tratati)
  • 1-2- cucchiai di ghee o di olio di cocco

A piacere, aggiungere:

  • 2 cucchiai acqua di rose
  • Una spolverata di curcuma
  • Cocco essiccato
  • 1 pizzico pepe nero macinato al momento

Portare a bollore l’acqua e aggiungere il riso. Quando è cotto scolarlo e schiacciarlo. Aggiungere quindi il latte e il cardamomo e riportare il composto nella casseruola per farlo scaldare a fiamma bassa per circa 5 minuti, mescolando bene. Togliere dal fuoco e unire i datteri, lo zucchero o lo sciroppo, il ghee o l’olio di cocco (e a piacere l’acqua di rose e la curcuma). Riporre il composto così ottenuto in vasetti o coppette e servire guarnendo con mandorle tritate e leggermente tostate (o con pistacchi, o anacardi, o uvetta) e le scaglie di cocco disidratato, o, semplicemente, con una spolverata di cannella.

Compila il form per richiedere maggiori informazioni